News UESG

Privacy, piena applicazione dal 25 maggio 2018

Dalla pubblicazione il 4 maggio 2016 sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea del Regolamento 2016/679 General Data Protection Regulation (GDPR) entrato in vigore il 25 maggio 2016, lo stesso sarà pienamente applicabile il 25 maggio 2018.

Di seguito illustriamo brevemente le raccomandazioni dell'OCSE a livello di sistema paese con impatti sugli operatori della sanità e nell'allegato che potete scaricare alla fine di questo articolo trovate alcuni consigli di Tania Caputo, Resp. Affari Legali della Poliambulanza di Brescia,  per prepararvi in tempo all'applicazione piena della GDPR.

I Ministri della salute dei Paesi Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) hanno invitato gli Stati membri ad adottare un sistema di regole comuni che consenta l’utilizzo e il riutilizzo dei dati sanitari per fini di pubblico interesse nel pieno rispetto della privacy delle persone. La “Raccomandazione sulla governance dei dati relativi alla salute” è scaricabile alla fine del presente articolo ed è stata adottata dal Consiglio dell’Ocse lo scorso 13 dicembre. Come informa il Garante della Privacy  “L’obiettivo del documento è quello di offrire indicazioni utili a migliorare e rendere più efficiente il sistema sanitario nei Paesi aderenti all’organizzazione, favorendo la creazione di una piattaforma condivisa per la corretta gestione dei dati sanitari trattati per la salute pubblica, per scopi statistici e di ricerca scientifica, nonché per la fornitura dei servizi offerti. L’OCSE ritiene che, se ben implementate nei rispettivi Paesi, le indicazioni contribuiranno anche a migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria e, di conseguenza, a sviluppare una società “in buona salute”. Tali obiettivi dovranno però essere perseguiti promuovendo e tutelando le libertà individuali e la protezione dei dati personali, peraltro a carattere sensibile, di chi usufruisce dei servizi sanitari.

Nelle Raccomandazioni vengono identificati otto principi fondamentali a tutela della privacy che renderanno più semplice e sicura la cooperazione tra i Paesi OCSE e massimizzeranno i benefici nell'utilizzo dei dati sanitari:

1. l'utilizzo dei sistemi informativi in sanità per migliorare la qualità di cura e le performance dei sistemi sanitari (e ricerca di innovazione per migliorare qualità e risultati);

2 .l'utilizzo dei dati relativi alla salute è consentito per motivi di salute pubblica, ricerca e statistica, secondo normativa specifica;

3. la necessità di informare correttamente i cittadini attraverso consultazioni e informativa sulla raccolta ed elaborazione dei dati sulla salute personale, grazie ad una regolare, chiara e trasparenti informazione e consultazione pubblica sui processi, i benefici, rischi e quanto fatto per mitigarli;

4. la necessità di una certificazione o di un processo di accreditamento per il trattamento dei dati sanitari per ricerca e statistica e di standard comuni;

5. la necessità di un processo di approvazione corretto e trasparente supportato nelle decisioni da un organo di revisione indipendente e multi-disciplinare;

6. l'applicazione delle migliori pratiche di non riconducibilità del dato sanitario alla persona al fine di proteggere la privacy dei dati sanitari degli individui;

7. l’adozione di adeguate misure di sicurezza a protezione delle informazioni sia per la re-identificazione degli assistiti sia per la vulnerabilità dei sistemi;

8. la revisione periodica a livello internazionale dei meccanismi di governance secondo l'evoluzione delle fonti di dati e delle tecnologie.

 

Files:
Aris Sanità n°1 - Nuovo regolamento Europeo privacy HOT
Scarica

Recommendation-of-OECD-Council-on-Health-Data-Governance-Booklet
Scarica

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se vuoi saperne di più vai alla pagina Cookie policy