“Ogni malato è e rimane sempre un essere umano e come tale va trattato”. Sono parole di Papa Francesco nel messaggio per la XXV Giornata Mondiale del Malato 2017, in programma il prossimo 11 febbraio. In esse riconosciamo il carisma fondante di tutte le Istituzioni che afferiscono alla nostra Associazione, ritroviamo l’anima stessa dell’Aris.

La difesa dell’integralità e della dignità della persona, la tutela dei più deboli, degli ultimi, degli emarginati, a cui il Papa richiama la società intera e in particolare coloro che si prendono cura di chi è nella sofferenza, è sempre stato, per le strutture Aris, il paradigma di un antico e rinnovato impegno a servizio dei malati. Un’accoglienza e un accompagnamento, che, come Papa Francesco sottolinea, sono da portare avanti con passione e competenza, professionalità e dedizione, senso di responsabilità e gratitudine per la missione a cui si è chiamati.

 

Il messaggio integrale del Pontefice è pubblicato sul nostro sito nella sezione Magistero.

Magistero

Il comandamento della prossimità responsabile

Papa Francesco, in un messaggio  indirizzato a Monsignor Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la Vita in occasione del Meeting Regionale Europeo della World Medical Association sulle questioni del “fine-vita” ...Leggi tutto

Servizio Avvenire su Villaggio Eugenio Litta