“Identità e ruolo delle strutture sanitarie cattoliche in Italia” è il tema proposto per la giornata di studio organizzata dall’ufficio Nazionale della CEI per la Pastorale della Salute in collaborazione con la Pontificia Università Lateranense che nsi svolgerà l’11/06 presso AulaMagna – Pontificia Università Lateranense.

secondo il Bloomberg Global Health Index, nel 2018 il Paese del mondo i cui cittadini godono del mi­glior stato di salute è l’Italia. È infatti il primo in clas­sifica nell’indice della salute stilato comparando i dati di 163 Paesi. Nel 2019 l’Italia è seconda, superata dalla Spagna. Pur godendo di questo primato, un check-up si rende necessario. Sono passati quarant’anni dall’introduzio­ne del Sistema Sanitario Nazionale in Italia, e quasi venti da quando venne pubblicato dalla CEI un docu­mento di riferimento sulla sanità cattolica.

È ormai evidente a tutti come si sia passati da una con­cezione prettamente ospedaliera della presenza cristia­na nel mondo della salute, ad una domanda di rinnova­ta testimonianza e presenza sul territorio.

Sembra oggi possibile proporre tre linee-guida per tentare una riflessione organica: il primato costante della carità nella verità, di fronte alla grandi domande sull’uomo che nascono dalle moderne scoperte scienti­fiche e invenzioni tecnologiche in campo sanitario; l’ur­genza storica di declinare i carismi cristiani interpellati da quella che il Santo Padre Francesco richiama come una dominante cultura dello scarto; infine, la necessità di rileggere il principio di sussidiarietà in termini co­erenti con la Costituzione italiana e con l’evolversi di un sistema sanitario sottoposto alla regolamentazione Stato-Regioni.

A partire da queste linee, la Giornata vuole approfondi­re alcuni aspetti essenziali della sanità cattolica in vista della realizzazione di un nuovo documento, pensato in modo sinodale a partire dall’esperienza di chi opera, amministra, dirige le strutture sanitarie cattoliche e di ispirazione cristiana.

Il documento ruoterà attorno ad alcune prospettive concrete:

  • ridefinire oggi il Profilo identitario delle strutture sani­tarie cattoliche in Italia;
  • approfondire i Rapporti con lo Stato italiano e le Regioni, leggendo le diversità reali che si possono riscontrare;
  • identificare percorsi di Sostenibilità economica e ca­rità, per riaffermare la necessità di una coerenza ge­stionale che sappia coniugare intelligenza organizza­tiva e carità;
  • affrontare le necessarie scelte che riguardano la For­mazione del personale, primo attore che declina il ca­risma chinandosi sul malato;
  • conoscere e discernere i progressi scientifici per con­frontarsi con le Nuove sfide bioetiche;
  • pensare la comunità cristiana intera come comunità sanante, arricchita dalla Presenza pastorale e dalla testimonianza di chi è a servizio delle persone malate;
  • declinare strategie per imparare a Comunicare bene il bene

 

L’obiettivo è condividere e promuovere un modo ade­guato per testimoniare nel terzo decennio del XXI se­colo il Vangelo di Gesù, che annuncia il Regno di Dio e guarisce i malati.

Documentazione

Papa Francesco alla Don Gnocchi
Non stancatevi di servire gli ultimi

Giovedì mattina, 31 ottobre, Papa Francesco ha ricevuto in udienza la Fondazione Don Carlo Gnocchi in occasione del decimo anniversario della beatificazione del fondatore.
Durante l’incontro il Papa ha pronunciato il seguente discorso che pubblichiamo all’interno.

Leggi