Vincenzo Defilippis é il nuovo presidente della Federazione europea delle associazioni dei medici cattolici (Feamc). E’ stato eletto nel corso dei lavori del XIII Congresso, svoltosi a Oporto nei giorni scorsi, a cui hanno preso parte anche Vincenzo Saraceni, past president medici cattolici italiani e Franco Balzaretti, vicepresidente nazionale. Defilippis, che resterà in carica per i prossimi 4 anni, succede a Francois Blin. Specialista in medicina interna e in medicina legale e perfezionato in bioetica, il neopresidente Feamc é direttore dell’Uoc di Rischio Clinico dell’Asl di Bari e docente a contratto di Medicina Legale all’Università di Bari. Da sempre attivo nell’Azione Cattolica, dal 1983 é iscritto da circa 30 anni all’Associazione Medici Cattolici Italiani di cui é componente del Consiglio Nazionale. “Continueremo a impegnarci nella tutela del primato dell’uomo sulle scelte economiche-finanziarie presso il Parlamento Europeo, nel supporto sanitario e umanitario alle chiese nazionali nell’accoglienza dei profughi e dei rifugiati, nel dialogo ecumenico con i medici delle chiese ortodosse di Mosca e Istanbul, nelle riflessioni etiche di inizio e fine vita, nel discernimento sulle nuove frontiere scientifiche della medicina sul trans-umanesimo e il post-umanesimo”, dichiara il presidente Defilippis. “L’elezione di un medico italiano al vertice di Feamc, rappresenta un unanime riconoscimento all’ impegno profuso dall’Amci per la promozione della vita umana e la salvaguardia di una professione medica, espletata in spirito di carità e competenza per la salvezza dell’umanita in piena fedeltà al Vangelo e al Magistero della Chiesa”, aggiunge soddisfatto Filippo Maria Boscia, presidente nazionale medici cattolici.

Documentazione

“Gustare la vita, curare le relazioni”: XXII Convegno Nazionale di Pastorale della Salute

Si svolgerà in due sessioni il prossimo Convegno Nazionale di Pastorale della salute organizzato on line dall’Ufficio Nazionale della CEI per la Pastorale della Salute. Dal 3 al 10 maggio si svolgeranno 14 sessioni tematiche, dall’11 al 13 maggio tre sessioni plenarie.

Scarica il programma