Tra i beni acquistati dal Ssn, circa un terzo è costituito dai dispositivi medici. E secondo il Rapporto sulla spesa rilevata dalle strutture sanitarie pubbliche nel 2015 gli investimenti sono saliti dello 0,8% passando da 5,71 miliardi a 5,76 miliardi. Un aumento più contenuto, dunque, rispetto alla variazione del 2,6% registrata nel 2014 rispetto al 2013. L’analisi dei dati regionali, tuttavia, evidenzia anche per il 2015 un’elevata variabilità nell’andamento delle tre categorie di dispositivi, con una riduzione degli impiantabili attivi (-0,7% pari a 507 mln di spesa), bilanciata dall’incremento dei dispositivi diagnostici in vitro (0,8% a quota 1,31 mld). Per i dispositivi medici, invece, in tutte le regioni la rilevazione dei dati di spesa è «generalmente in crescita: si passa, infatti, da 3,63 mld euro del 2014, su base nazionale, a 3,83 mld del 2015 con una variazione del +5,3%».