C’è anche l’Italia tra gli Stati europei con il maggior numero di apparecchiature di diagnostica per immagini.

Secondo Eurostat, infatti, il nostro Paese figura ai primi posti insieme alla Finlandia, Grecia e Cipro.

Un aumento generale del numero di apparecchi è stato registrato, negli ultimi 30 anni, in quasi tutti gli Stati dell’Unione, ma in alcuni di essi i numeri risultano più significativi. I dati sono stati rilevati tenendo conto della dimensione della popolazione.

 

Danimarca, Lettonia, Germania, Grecia, Italia, Bulgaria e Cipro sono le nazioni che nel 2014 presentavano il più alto numero di CT scanner, 3 ogni 100mila abitanti, fanalino di coda Ungheria e Regno Unito, con 1 apparecchio per 100mila. Per le risonanze ai primi posti ancora Germania, Italia, Grecia e Cipro, con l’aggiunta di Finlandia e Austria. In questi Paesi, nel 2014, erano presenti almeno 2 unità ogni 100mila abitanti, numeri che scendevano a 0,6 unità per Romania e Ungheria.

 

Al primo posto per gli angiografi la Finlandia con 2 unità per 100mila abitanti, seguita da Lussemburgo (1,4) e Italia (1,3). In coda la Romania con 0,3 per 100 mila.

Per Grecia e Cipro registrato il maggio numero di mammografi, mentre i livelli più bassi si hanno in Romania, Estonia, Repubblica Ceca e Lussemburgo.

Il primato per la PET va all’Italia, che ha registrato, nel 2013, la presenza di 174 unità. 

Documentazione

“Gustare la vita, curare le relazioni”: XXII Convegno Nazionale di Pastorale della Salute

Si svolgerà in due sessioni il prossimo Convegno Nazionale di Pastorale della salute organizzato on line dall’Ufficio Nazionale della CEI per la Pastorale della Salute. Dal 3 al 10 maggio si svolgeranno 14 sessioni tematiche, dall’11 al 13 maggio tre sessioni plenarie.

Scarica il programma