Si va verso un possibile slittamento del termine del 10 luglio, previsto dalla legge Lorenzin sull'obbligo vaccinale, per la presentazione della documentazione sulle avvenute vaccinazioni. Visti i tempi stretti, e l'impossibilità di veder approvare un nuovo decreto che possa far saltare l'obbligo, al Ministero della Salute si valuta l'idea di una circolare che punti ad agevolare quelle famiglie con bambini non ancora immunizzati che rischierebbero di restare fuori da asili e scuole di infanzia. Un punto previsto dal contratto di governo siglato da M5S e Lega. L’obiettivo è quello di tutelare la salute individuale e collettiva, garantendo le necessarie coperture vaccinali, ma affrontando al contempo la tematica del giusto equilibrio tra il diritto all’istruzione e il diritto alla salute, tutelando i bambini in età prescolare e scolare che potrebbero essere a rischio di "esclusione sociale". La ministra Giulia Grillo è alla ricerca di un complicato equilibrio tra la volontà politica di superare l'attuale normativa ed il rischio di gettare alle ortiche gli importanti risultati ottenuti in termini di recupero delle coperture grazie alle misure sull'obbligo. Il pressing della Lega su questo tema resta alto, come dimostrano le ennesime dichiarazioni del leader leghista Matteo Salvini, che nei giorni scorsi è tornato a parlare dei dieci vaccini obbligatori definendoli "inutili e pericolosi".