Dopo l'approvazione in Consiglio dei Ministri dello scorso 2 luglio, pronto il testo definitivo del Decreto dignità per l'esame del Quirinale. Le misure per il contrasto della ludopatia, con il divieto di pubblicità di giochi e scommesse, slittano all'articolo 9. Previsto il divieto di qualsiasi forma di pubblicità relativa a giochi o scommesse con vincite di denaro, comunque effettuata e su qualunque mezzo, incluse le manifestazioni sportive, culturali o artistiche, le trasmissioni televisive o radiofoniche, la stampa quotidiana e periodica, le pubblicazioni in genere, le affissioni ed internet. Previste pesanti sanzioni per i trasgressori. E’ anche stabilito che i proventi derivanti dall’irrogazione delle sanzioni saranno devoluti ad un apposito capitolo dello stato di previsione della spesa del Ministero della Salute per essere destinati al fondo per il contrasto al gioco d'azzardo patologico.

Aggiornamento Convenzioni