Più di 3 milioni di persone sono morte nel 2016 (pari a un decesso su 20 di tutte le morti) a seguito di danni diretti o indiretti provocati dal consumo di alcol. Di queste più di tre quarti sono maschi. L’uso di alcol e le sue conseguenze in termini di danni alla salute, poi, sono responsabili di oltre il 5% del complesso delle malattie. 
I dati sono contenuti nel nuovo Rapporto sullo stato globale dell'Oms  su alcol e salute 2018 (con dati 2016) che presenta un quadro completo del consumo di alcol e del carico di malattia attribuibile all'alcol in tutto il mondo. 

A livello mondiale si stima che 237 milioni di uomini e 46 milioni di donne soffrano di disturbi da alcool con la più alta prevalenza tra uomini e donne nella regione europea (14,8% rispetto al 3,5%) e nella regione delle Americhe (11,5% e 5,1%). I disturbi legati all'alcol sono più comuni nei paesi ad alto reddito e si stima che il consumo globale aumenterà nei prossimi 10 anni, in particolare nelle regioni del Sud-Est asiatico e del Pacifico occidentale e nella regione delle Americhe.

Circa 2,3 miliardi di persone sono bevitori attuali. L'alcol è consumato da più della metà della popolazione in tre regioni dell'Oms: America, Europa e Pacifico occidentale. L'Europa ha il più alto consumo pro capite del mondo, anche se il suo consumo pro capite è diminuito di oltre il 10% dal 2010.

 Il consumo medio giornaliero è di 33 grammi di alcol puro al giorno, equivalenti circa a 2 bicchieri (ciascuno da 150 ml) di vino o di una bottiglia di birra da 750 ml. 
In tutto il mondo, più di un quarto (27%) di tutti i ragazzi di 15-19 anni sono bevitori. I tassi di consumo di alcol tra i giovani sono i più alti in Europa (44%), seguita dalle Americhe (38%) e dal Pacifico occidentale (38%). 

Indagini scolastiche indicano che, in molti paesi, l'uso di alcol inizia prima dei 15 anni con differenze molto piccole tra ragazzi e ragazze.
A livello globale il 44,8% delle bevande alcoliche consumato è costituito da liquori, seguiti dalla birra (34%) e dal vino (12%). Un trend che ha fatto registrare pochi cambiamenti dal 2010 tranne in Europa, dove il consumo di liquori è diminuito del 3% mentre quello del vino e della birra è aumentato.
Al contrario, più della metà (57% par a 3,1 miliardi di persone) della popolazione globale di 15 anni e più si era astenuta dal bere alcolici nei precedenti 12 mesi. Nella classifica del consumo di litri di alcol (medio) procapite nel 2016 per gli over 15 stilata in base ai dati Oms, l’Italia è 73ᵃ con 7,5 litri, in aumento di 0,5 litri rispetto al 2010.
In Italia si beve soprattutto vino (65%) seguito da birra (25%) e alcol in generale (10%).
Dal punto di vista delle conseguenze sulla salute, nel 2016 sono attribuibili all’alcol 5.209 decessi per cirrosi epatica, 1.019 per incidenti stradali e 7.852 per cancro, sempre legato all’uso di alcolici.

La dipendenza da alcol è attribuita allo 0,8% dei bevitori maschi e allo 0,5% delle consumatrici, con una media dello 0,6% a fronte di una media dei paesi Oms della Regione europea del 3,7%.

Aggiornamento Convenzioni