Ed è sempre contro  tagli previsti  che martedì 4 aprile Uldm, insieme ad Aisla (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica), Viva La Vita Italia Onlus, Famiglie Sma (Genitori per la ricerca sull’atrofia muscolare spinale), ConSLAncio Onlus, Asamsi (Associazione per lo Studio delle Atrofie Muscolari Spinali Infantili) e molte altre Associazioni sarà a Roma con una propria delegazione per protestare contro il taglio di 50 milioni di euro al Fondo per le Non Autosufficienze (Fna), che passa da 500 a 450 milioni. Questi tagli colpiscono pesantemente le famiglie in particolare quelle che devono assistere a domicilio una persona non autosufficiente, tradendo lo scopo con cui è nato il Fondo cioè garantire l’attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni assistenziali. La richiesta di Uildm e delle altre associazioni al Governo è di intervenire per incrementare il Fondo per le Non Autosufficienze, anziché di impoverirlo. Uildm invita i propri associati e tutti coloro che ne condivido l’azione a partecipare alla manifestazione, che rimane aperta a tutti i cittadini e a tutte le associazioni. Il Camn, Coordinamento Associazioni Malattie Neuromuscolari, e tutte le associazioni che lo compongono hanno già aderito.