Il Consiglio Nazionale dell’Aris si riunirà il prossimo 4 maggio a Roma, presso la sede nazionale dell’Associazione. Un nutrito ordine del giorno animerà la riunione, nella quale, oltre alla presentazione dei nuovi consiglieri, le conferme e le attribuzioni degli incarichi, le modifiche alla articolazione regionale, la presa in esame di nuove adesioni e le ipotesi di convenzione, si terranno diverse relazioni programmatiche.

In particolare il Presidente Nazionale, Padre Virginio Bebber, si soffermerà su alcuni punti da sviluppare per far sì che il ruolo dell’Aris sia sempre più rispondente alle esigenze degli associati e abbia maggiore visibilità nell’attuale contesto socio-sanitario. Un impegno che l’Associazione è chiamata a portare avanti in termini di affermazione del valore inalienabile della vita e della dignità della persona, collaborazione tra le diverse strutture afferenti all’Aris, promozione e sviluppo di studi e ricerche da parte degli IRCCS e pubblicazione di appositi quaderni tematici, flusso costante di informazioni tra centro e periferia, progetti di assistenza sanitaria gratuita e di acquisti comuni tra gli associati, stesura di un nuovo regolamento dell’Associazione. Particolare cura, a parere del Presidente Nazionale, dovrà essere dedicata alla promozione e sviluppo dei rapporti con i referenti istituzionali e con la Conferenza Episcopale Italiana.