Codacons ha depositato presso la Procura della Repubblica di Catania un nuovo esposto-denuncia per "omicidio colposo, commercio e somministrazione di medicinali guasti" riferendosi ad alcuni studi che evidenzierebbero una contaminazione dei vaccini e che avrebbe portato alla morte di 13 bambini. Immediata la risposta del ministero, che ha formalizzato una denuncia alla Procura della Repubblica di Roma per il reato di procurato allarme. E anche dall'Aifa arriva una smentita ai dati contenuti nell'esposto.

Uno studio condotto dalla ricercatrice del Cnr Antonietta M. Gatti e dal farmacologo Stefano Montanari pubblicato recentemente, sostiene il Codacons, ''evidenzia una contaminazione da micro e nanoparticelle dei vaccini distribuiti dal nostro Servizio sanitario nazionale e il numero rilevante di morti, nonché di reazioni avverse gravi che stanno colpendo i bambini in questi mesi, potrebbe derivare direttamente dalla contaminazione da micro e nanoparticelle delle dosi di vaccini somministrati ai bambini". Per questo motivo l'associazione insieme al Comitato vaccini sicuri (Covasi) ha depositato presso la Procura della Repubblica di Catania, tramite il dirigente dell'Ufficio Legale Regionale del Codacons Carmelo Sardella, un esposto-denuncia "per omicidio colposo, commercio e somministrazione di medicinali guasti". Ma la tesi e' contestata anche dall'Agenzia italiana del farmaco (Aifa): "Non c'e' nessuna relazione accertata fra i casi segnalati dal Codacons e le vaccinazioni", si apprende dall'Agenzia, che ha verificato i casi citati dall'associazione di 13 bambini morti. I casi inoltre, secondo quanto riferito dall'Aifa, non riguardano l'Italia ma tutto il mondo.