La Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (Fofi) ha confermato ai vertici per il prossimo triennio, la compagine uscente che vede il Senatore Andrea Mandelli presidente, il Senatore Luigi D'Ambrosio Lettieri vicepresidente, Maurizio Pace segretario e Mario Giaccone tesoriere.

Le elezioni per il rinnovo del Comitato centrale della Fofi si sono concluse ieri e hanno registrato una partecipazione del 99 per cento. «Un risultato che testimonia l'apprezzamento e la piena adesione alla politica federale attuata sin qui - si legge in una nota della Fofi - volta all'evoluzione del ruolo del farmacista all'interno della sanità italiana, che ha conseguito in questi anni importanti obiettivi – dall'implementazione del modello della farmacia dei servizi all'istituzione del dossier farmaceutico – ma ha anche imposto all'attenzione della comunità scientifica internazionale l'apporto dei farmacisti italiani all'evoluzione della pharmaceutical care, attraverso il progetto I-MUR promosso dalla FOFI».

«In una fase delicata come quella attuale», ha dichiarato il Senatore Andrea Mandelli «nella quale si prospetta un profondo mutamento dello scenario in cui operano, a tutti i livelli, i farmacisti italiani, questa compattezza della professione è fondamentale per proseguire nell'opera di innovazione che abbiamo condotto, a tutela dei professionisti ma soprattutto a tutela del cittadino e della qualità delle cure».