Si apre con “Porte aperte”, 5 giorni (dal 4 all’8 marzo) di visite gratuite riservate all’universo femminile, il “Progetto rosa” che l’Ospedale generale regionale “Miulli” di Acquaviva delle Fonti ha dedicato al benessere e alla salute della donna. Due anni che si declineranno secondo un programma di iniziative rivolte alle diverse fasi della vita al femminile, durante i quali team interdisciplinari di esperti metteranno a disposizione la propria professionalità per affrontare in modo efficace le diverse problematiche che possono interessare il gentil sesso.

Il “Miulli in Rosa” si propone come laboratorio permanente per affrontare diversi temi quali l’infertilità, la menopausa, le patologie mammarie, tiroidee, dell’età fertile e altro ancora, approfondendone gli aspetti della prevenzione, diagnosi e cura e mettendo a punto percorsi personalizzabili che offrano risposte proficue e adeguate.

Si tratta di un progetto che nasce anche con l’intento di indurre le donne ad informarsi di più e meglio sulla tutela e gestione della propria salute.

All’inizio di marzo le prime giornate di servizio, aperte a tutte e destinate ad argomenti specifici: il 4 marzo sarà dedicato all’infertilità, il 5 alla mammella, il 6 alla tiroide, il 7 agli aspetti ginecologici, l’8 alla menopausa.