Chiusura temporanea delle unità di offerta semi-residenziali socio-sanitarie o sociali dal 9 al 15 marzo 2020 compresi. Lo ha disposto la Regione Veneto in linea con le nuove misure adottate a livello nazionale per contenere la diffusione dell’epidemia da SARS-CoV-2.

Il provvedimento riguarda strutture per anziani, persone con disabilità, minori, persone con dipendenza, con problemi di salute mentale, inclusi i centri sollievo per affetti da demenza/morbo di Parkinson. Il provvedimento è stato ritenuto necessario trattandosi di contesti nei quali si aggregano più persone. Indicate anche le procedure da seguire, per le strutture residenziali, per affrontare particolari situazioni quali l’accoglienza di un nuovo utente, la gestione di un paziente sintomatico al coronavirus e altro ancora.

In caso di situazioni critiche nella gestione domiciliare dei soggetti - dovuta alla chiusura delle unità semi-residenziali - è possibile usufruire di un supporto a domicilio, avvalendosi del personale delle strutture temporaneamente chiuse.

Per ulteriori informazioni pubblichiamo di seguito il link al testo delle nuove disposizioni:https://www.arisassociazione.it/component/jdownloads/send/16-news-ufficio-stampa/2484-rps-rinnovo.html