I centri di riabilitazione  convenzionati  di  Casa  Rosetta hanno riattivato l’assistenza domiciliare, dopo la già avvenuta riapertura dei Centri ambulatoriali e semiresidenziali convenzionati con l’Asp.

L’assistenza domiciliare era stata sospesa a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Grazie alle recenti disposizioni circa le modalità da seguire comunicate dalla Regione è stato possibile ripristinare il servizio domiciliare.

Prima di effettuare una prestazione a domicilio è “necessario che un operatore del Centro effettui un triage telefonico per accertarsi che tra i pazienti o i componenti del nucleo familiare dell’assistito non vi siano soggetti che presentino sintomatologia riconducibile a Covid (febbre, tosse, congestione nasale, etc.) o soggetti rientrati dalle aree ad alto rischio per tale infezione”. Ove possibile inoltre per l’effettuazione

della  terapia  sarà  richiesta  una  stanza  adeguata  (finestre,  disinfezione),  l’uso  di mascherine  da  parte  del  paziente  ed  eventuali  assistenti,  e  altre  misure  di precauzione: in particolare ogni terapista della riabilitazione dichiarerà per mezzo di autocertificazione  alla  Direzione  sanitaria  quotidianamente  di  non  avere  una temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi centigradi; una volta giunto all’interno del  domicilio  del  paziente  verrà  misurata  la  temperatura  di  questi  ed  ai  familiari eventualmente presenti che non dovrà essere superiore ai 37,5 gradi centigradi; ogni paziente effettuerà il trattamento riabilitativo solo se in possesso di mascherina; ogni terapista della riabilitazione sarà in possesso di tutti i DPI necessari previsti dalle normative vigenti.

Gli utenti sono stati informati anche delle nuove procedure e dei nuovi programmi-orario di trattamento.