Le RSA e le strutture sociosanitarie della Fondazione Don Gnocchi hanno riaperto in sicurezza alle visite dei familiari. Le indicazioni del ministero della Salute hanno dato il via a una nuova stagione di incontri, in un contesto comunque di grande attenzione e scrupolosa prevenzione della diffusione del virus. Nei Centri “Don Gnocchi” le visite in presenza non si sono in realtà mai interrotte, se non nelle fasi più acute della pandemia. Sono sempre state possibili sia nei reparti, in particolare nelle situazioni di maggiore gravità, che in spazi comuni attrezzati e su appuntamento. Certamente, non hanno potuto avere la frequenza e la durata da tutti desiderate. Ora l’ordinanza ministeriale richiama la consapevolezza che il potenziamento dei contatti tra residenti e persone provenienti dall’esterno delle strutture, seppur controllate, non permette di azzerare il rischio. Di qui la proposta di un “Patto di condivisione del rischio fra Enti gestori e familiari” per condividere gli impegni a tutela della salute dei degenti e dei residenti più fragili.