Disegni a matita, con pastelli, pennarelli e acrilici, piccole sculture in DAS, scatti fotografici: sono tante le tecniche artistiche che gli ospiti del Caprifoglio, della Fondazione Chiossone, hanno sperimentato negli ultimi mesi nel laboratorio guidato dall'atelierista Samantha Woods, che, insieme agli operatori, ha accompagnato gli utenti nell'osservazione e nella riproduzione delle piante all'interno del giardino della residenza.

Le attività svolte hanno permesso agli ospiti di mettersi in gioco, di scoprire nuove capacità, di esprimere le proprie emozioni attraverso l'arte, in un lavoro individuale e di gruppo coinvolgente ed equilibrato.

I risultati del laboratorio sono stati raccolti in un piccolo catalogo, ma il progetto non finisce qui, l'obiettivo non è solo quello di riprodurre lo spazio di relax degli utenti, lo scrigno verde del giardino del Caprifoglio, ma di raccontarlo anche a chi sta fuori dalla residenza.