Anche l’IRCCS Oasi di Troina si adopera per sostenere il popolo ucraino. L’Istituto si è infatti attivato, tramite la Comunità Sant’Egidio di Catania, per fare arrivare beni di prima necessita nei territori che stanno accogliendo la popolazione in fuga dalla guerra.

“Non potevamo restare a guardare davanti al grido di aiuto di un popolo in fuga dalla guerra – ha affermato il presidente dell’Istituto Don Silvio Rotondo - Per questo motivo, assieme a tutto il CdA dell’Associazione, abbiamo incaricato la responsabile della nostra Unità Operativa di Farmacia di reperire dispositivi medici (garze, medicazioni sterili, aghi, siringhe, pannoloni e pannolini per bambino ecc.) e disinfettanti vari. La nostra donazione vuole ricordare quello che padre Ferlauto ha scritto nella “Lettera di un prete ai potenti della terra e agli uomini di buona volontà” (2002): “E' tempo che alla cultura dell'odio, che genera anche terrorismo, subentri la cultura dell'Amore che genera benessere fisico, psichico, spirituale presupposto della vera pace”. “Citando sempre padre Ferlauto – ha continuato Don Silvio – Non perdiamo mai la speranza comunque vadano le cose. Dobbiamo costruire il futuro con quanto abbiamo a diposizione e là dove siamo, perché non ci siamo per caso”.

“Infine – ha concluso - non facciamo mancare la nostra preghiera che è sostegno e forza per andare avanti. Un piccolo gesto di solidarietà e di amore per un popolo martoriato dalla guerra”.