Inaugurato martedì scorso, 3 ottobre, il nuovo “Auxologico Città Studi ICANS”, un poliambulatorio specialistico nato per fare fronte alla crescente richiesta di cure basate su evidenze clinico-scientifiche delle problematiche di sovrappeso, obesità, sindrome metabolica e disturbi del comportamento alimentare. Il nuovo ambulatorio -  frutto della consolidata sinergia tra Università Statale di Milano e Auxologico - afferisce all’Unità Operativa di Endocrinologia e malattie del metabolismo di Auxologico San Luca, diretta da Luca Persani, professore ordinario di Endocrinologia all’Università degli Studi di Milano.

Alla cerimonia erano presenti tra gli altri, il Rettore della Statale milanese Elio Franzini , il Direttore Generale di Auxologico IRCCS Mario Colombo, il Direttore scientifico di Auxologico IRCCS e professore onorario di Medicina cardiovascolare all'Università di Milano-Bicocca Gianfranco Parati, assieme a Simona Bertoli e Alberto Battezzati, entrambi docenti della Statale di Milano e rispettivamente Coordinatore e Direttore dell’Unità Operativa di Nutrizione clinica Auxologico Città Studi ICANS.

La nutrizione e le categorie di problematiche ad essa associate sono aumentate in modo esponenziale a seguito della pandemia, e, purtroppo, non sempre trovano adeguate risposte terapeutiche ma, anzi, incontrano spesso soluzioni approssimative, autogestite, e anche dannose.

Da qui l’idea di associare le competenze, le strumentazioni e i professionisti di ICANS, il Centro Internazionale per lo Studio della Composizione Corporea della Statale di Milano, e di Auxologico per dare vita a una nuova “alleanza” in grado di fornire soluzioni pratiche ai pazienti sulla base della medicina basata sulle evidenze.

Auxologico conta infatti oltre sessanta anni di esperienza nella ricerca, nella cura ambulatoriale e ospedaliera di tutte le problematiche legate all’obesità grave e alla sindrome metabolica. Redigendo, tra l’altro, un periodico Rapporto sull’obesità in Italia, giunto alla nona edizione, che fa il punto della situazione a livello epidemiologico, ma anche della ricerca e delle cure dell’obesità e delle problematiche sanitarie correlate.

ICANS a sua volta nasce nel 1998 come centro di ricerca in ambito metabolico-nutrizionale dell’Università degli Studi di Milano e, dal 2004, svolge anche attività clinica.

L’offerta specialistica comprende anche ambiti complementari e di eccellenza di Auxologico, come la cardiologia, la neurologia, l’endocrinologia. La diagnostica è supportata da moderne strumentazioni (analisi della misurazione corporea, densitometria ossea, holter ecc.), e dal Punto Prelievi convenzionato con il SSN.

“La firma di questo accordo”, ha detto  il Rettore della Statale “consente di ampliare ulteriormente gli ambiti della collaborazione tra la nostra Università e Auxologico. È infatti interesse di entrambe le istituzioni arricchire sempre di più l’offerta di servizi in un ambito come quello della nutrizione, che soprattutto negli ultimi anni ha visto un incremento costante di necessità di supporto specializzato”.

“Con Auxologico Città Studi ICANS”, ha aggiunto il Direttore Generale di Auxologico Mario Colombo, “la nostra struttura amplia la propria rete dei servizi specialistici ambulatoriali nella città di Milano, mettendo a disposizione dei pazienti una completa offerta di programmi diagnostici, curativi, chirurgici e riabilitativi che trovano nel continuo scambio di interazioni tra ricerca e clinica la ragione della loro qualificazione”.

Auxologico Città Studi ICANS applica le più avanzate acquisizioni della ricerca nutrizionale nella pratica clinica, offrendo un approccio diagnostico integrato e percorsi dietetici mirati. L’obiettivo dell’équipe multidisciplinare è la diagnosi e il trattamento precoce dei primi sintomi di malattie croniche e invalidanti come obesità, diabete e patologie cardiovascolari, al fine di bloccarne la progressione e, in una larga parte di casi, arrivare alla regressione e guarigione.

Documentazione

Questionario sulla prevenzione del rischio clinico nelle strutture associate all'Aris.

Scarica il questionario