La consapevolezza dell’apprensione che l’infezione da coronavirus genera in modo particolare nelle strutture che si prendono cura dei più fragili ha spinto Don Fabio Lorenzetti, Direttore della Casa San Giuseppe dell’Opera Don Guanella di Roma, ad inviare una lettera in cui da notizie ai familiari dei ragazzi ospitati nella struttura, rassicurandoli sul loro stato di salute. Qui di seguito la lettera.   

Carissimi Amici, Sostenitori, Familiari e Tutori, vorrei condividere con tutti voi la situazione attuale della nostra Casa. Innanzitutto ringrazio Dio! Con umiltà, e non senza la quotidiana apprensione, possiamo dire che stiamo tutti bene: nessun caso di positività! Sento di dover ringraziare innanzitutto gli operatori: medici, infermieri, operatori sociosanitari, terapisti, guardarobieri… e tutti gli altri che, con la loro presenza e professionalità, nel rispetto delle norme e delle indicazioni nell’emergenza, stanno garantendo un buon livello di vita ai nostri ospiti. Il “grazie” va anche alle famiglie, tutori e amici dei nostri ospiti: non è facile per loro – e per i loro familiari – stare lontano e limitarsi a qualche telefonata o video. Questa “lontananza” fisica rafforzi i vincoli di relazione tra noi e ci faccia apprezzare sempre più il valore delle cose buone che da oltre cento anni la casa S. Giuseppe mette in opera. Mi piace fare sentire a tutti voi la nostra vicinanza attraverso qualche breve pensiero e preghiera affidata ai video che potete trovare sul sito della nostra Onlus nella pagina Facebook, visibile anche a chi, come me, non ha Facebook: www.savethedreams.org in alto a destra cliccare su contatti, poi scendere in basso a destra e cliccare su f pagina ufficiale Colgo l’occasione per Augurare a nome mio personale e della Comunità una Santa Pasqua di Resurrezione.

Con l’aiuto di Dio, ce la faremo!

Il direttore Don Fabio