“Parte una vera rivoluzione per oltre 380 mila malati di diabete. Finalmente finisce il “giro delle sette chiese” ogni volta che bisognava fare una o più analisi”. Così il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, sul nuovo piano per il diabete in fase sperimentale nel Lazio da maggio a settembre.

Saranno le strutture sanitarie presenti sul territorio regionale (attualmente 92 per adulti e 4 pediatriche) ad organizzare i percorsi di cura, il cui primo step è affidato al medico di Medicina Generale che avvierà la presa in carico del paziente.

Lo scopo è di offrire un’assistenza adeguata e omogenea in tutta la Regione “a partire dalla gestione integrata del paziente – spiega una nota regionale – con l’attivazione di Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali (PDTA) personalizzati e differenziati a seconda del grado di complessità della malattia”.

La fase sperimentale di 5 mesi coinvolgerà 15 mila persone e interesserà diverse strutture:

Case della Salute di Prati Trionfale, Tenuta di Terranova e S. Agostino di Ostia e Distretti di Monte Mario, S. Giovanni-Cinecittà e Prenestino-Centocelle.

Il programma è di estendere progressivamente il nuovo piano a tutto il territorio regionale a partire dalle Case della Salute e dalle Unità di Cure Primarie della Medicina Generale.

“Gli esami saranno prescritti in una sola ricetta – fa sapere la Regione -  la prenotazione delle visite sarà fatta direttamente dallo studio medico di medicina generale e la maggior parte delle prestazioni saranno eseguite nella stessa struttura e nella stessa giornata”.    

Documentazione

Papa Francesco alla Don Gnocchi
Non stancatevi di servire gli ultimi

Giovedì mattina, 31 ottobre, Papa Francesco ha ricevuto in udienza la Fondazione Don Carlo Gnocchi in occasione del decimo anniversario della beatificazione del fondatore.
Durante l’incontro il Papa ha pronunciato il seguente discorso che pubblichiamo all’interno.

Leggi