Un incontro con i Sindaci e gli Assessori alle Politiche Sociali dei Comuni di molte delle Province siciliane è quanto organizzato dall’Associazione Casa Famiglia Rosetta il prossimo 20 gennaio, in Contrada Bagno a Caltanissetta. Scopo di questo incontro è una ricognizione aggiornata sulle situazioni locali e sulle risposte attivabili attraverso le strutture e le iniziative dell’Associazione,  impegnata da oltre trent’anni a favore delle famiglie fragili, attraverso servizi territoriali di tipo residenziale, ambulatoriale, domiciliare, centri diurni per coloro che necessitano risposte per problemi legati a tossicodipendenza, alcoldipendenza, gioco d’azzardo patologico, sindrome da HIV/AIDS, disabilità, offrendo altresì consulenza diagnostica, genetica e prevenzione. I Sindaci e le Amministrazioni Comunali invitati a partecipare a questo incontro, hanno accolto positivamente le iniziative promosse, considerando l’evento come opportunità di scambio e condivisione di idee e spunti utili per rispondere, in maniera sempre più efficace, alle necessità del territorio. L’Associazione dal canto suo, tramite questa iniziativa, intende promuovere una rinnovata collaborazione per l’integrazione di servizi tra pubblico e privato sociale.

In data 29-12-2017 è stato letto,  firmato ed approvato il protocollo di intesa che sancisce la collaborazione e la convenzione tra L’Associazione Casa Famiglia Rosetta nelle vesti del suo organo Fondazione “Alessia” Istituto Euromediterraneo per la Formazione, Ricerca, Terapia e lo sviluppo delle politiche sociali, e rappresentata dal Suo Presidente don Vincenzo Sorce e il Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta rappresentato dal Dr. Mancuso Renato Maria.
La Fondazione svolge un’azione continua di tipo informativo e formativo nei confronti di docenti e studenti del territorio nisseno e a tal proposito si manifesta aperta ad accogliere collaborazioni concrete con il sistema scolastico attraverso la costruzione collaborativa di progetti e percorsi di miglioramento. Il Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta condivide l’importanza di rafforzare il raccordo tra sistema scolastico e enti di ricerca e formazione presenti nel territorio favorendo e sostenendo possibili strategie per migliorare gli esiti delle prestazioni degli studenti delle scuole nissene, con particolare attenzione alle esperienze laboratoriali. La  collaborazione con la Fondazione “Alessia” Istituto Euromediterraneo per la Formazione, , Ricerca, Terapia e lo sviluppo delle politiche sociali, diviene inoltre modalità privilegiata per lo sviluppo delle competenze professionali dei docenti attraverso attività ed eventi che mirino all’arricchimento e allo sviluppo professionale e si concentrino su specifiche strategie metodologiche-didattiche. Diversi saranno gli ambiti nei quali, Fondazione e Consorzio Comunale, collaboreranno.  Congiuntamente verranno infatti proposte e vagliate: programmazione di iniziative didattiche in tema di prevenzione dalle dipendenze patologiche, bullismo, cyberbullismo, genetica e disagio sociale; creazione di percorsi di formazione e orientamento degli studenti verso le scelte universitarie, avvio di attività di aggiornamento professionale rivolto ai docenti; organizzazione di attività e avvio di vari progetti nelle scuole.

È stato recentemente presentato a Palermo, il Piano delle azioni e dei servizi socio-sanitari e il sistema unico di accreditamento dei soggetti che erogano prestazioni socio-sanitarie. Il primo Piano socio sanitario a distanza di oltre dieci anni, realizzato grazie alla sinergia tra l’assessorato alla Salute e l’assessorato alla Famiglia e alle Politiche sociali della Regione Siciliana e all’impegno politico e professionale dell’assessore Baldo Gucciardi e dell’assessore Carmencita Mangano, ha il suo primo Piano socio-sanitario. Il piano mira a colmare i vuoti normativi che di fatto, come hanno spiegato i due assessori nel corso della conferenza stampa, “impedivano la piena attuazione ed erogazione dei benefici previsti in questo ambito. Vengono definite le linee guida per istituire l’Ufficio Unico Interassessoriale Salute - Famiglia per dare una risposta unica e completa per soddisfare i bisogni della popolazione Siciliana e per tutte le fasce a rischio. A tal proposito verrà realizzata una piattaforma digitale per snellire le pratiche e per dare tutte le informazioni necessarie ai cittadini siciliani. Finalmente l’integrazione Socio-Sanitaria interviene avviando la Linea Pilota della Salute Mentale ed il lavoro di rete sul territorio sempre richiamato e mai normato. Viene anche approvato in modo innovativo il budget di Salute e le indicazioni per l’elaborazione e la gestione dei progetti di vita individualizzati in materia di vita indipendente e superamento di strutture residenziali con programmi obsoleti e parte importante è l’attivazione delle procedure per l’inclusione socio lavorativa in salute mentale attingendo a finanziamenti da leggi che prevedono risorse specifiche. Sono previsti nel piano tutti i sistemi di accreditamento per le aree adulti con disabilità, salute mentale, soggetti con dipendenze patologiche con e senza sostanze, area minori e, non ultimo, il percorso di erogazione delle cure domiciliari con profili di cura e standard qualificanti per la migliore assistenza socio-sanitaria erogabile sull’intero territorio Siciliano.

La Regione Sicilia ha approvato le nuove regole per l’accreditamento dei soggetti che erogano prestazioni sociosanitarie. Si tratta del documento “Il Servizio socio-sanitario regionale: Piano delle azioni e dei servizi socio-sanitari e del sistema unico di accreditamento dei soggetti che erogano prestazioni socio-sanitarie” approvato con decreto degli assessorati della salute e delle politiche sociali del 31 luglio 2017, pubblicato sul Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 4 agosto 2017.