L'Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano ha lanciato il Premio innovazione Digitale in Sanità 2020 con l'obiettivo di raccogliere le esperienze di Sanità Digitale che sono nate (o si sono ulteriormente sviluppate) durante l'emergenza sanitaria che il nostro Paese si è trovato ad affrontare da fine febbraio 2020. L'iniziativa è rivolta a ASL, AO, ASST, ATS, ASP, IRCCS, Ospedali privati, case di cura, centri di riabilitazione, RSA, strutture sovraziendali (ad es. "Area Vasta"), Regioni, Associazioni di Medici, Associazioni di Pazienti e a tutti gli operatori del Sistema Sanitario.
 
Per partecipare al Premio e candidare un progetto implementato presso le strutture sanitarie e socio-sanitarie durante l'emergenza sanitaria è necessario compilare la scheda di candidatura disponibile su Candidature Progetti Connected Care e inviarla all'Ing. Deborah De Cesare (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). Il termine di consegna è mercoledì 15 luglio 2020.
Le schede saranno preliminarmente esaminate da una commissione di esperti dell'Osservatorio e saranno effettuate alcune interviste di approfondimento, con l'obiettivo di identificare una rosa di finalisti.
I casi finalisti saranno presentati davanti ad una giuria qualificata che decreterà i vincitori del Premio in occasione del Convegno di presentazione dei risultati della Ricerca dell'Osservatorio che si terrà il 23 settembre 2020, garantendo alta visibilità su media e a livello istituzionale.

E' disponibile e scaricabile alla fine di questo articolo l'Instant Report #14 COVID-19 di Altems e Cerismas (e il suo summary) che offre un confronto sistematico delle modalità di risposta delle Regioni italiane al Sars-COV-2. La finalità del report è comprendere le implicazioni delle diverse strategie adottate dalle Regioni per fronteggiare la diffusione del virus e le conseguenze del Covid-19 in contesti diversi per trarne indicazioni per il futuro prossimo e acquisire insegnamenti derivanti da questa esperienza. Il report presenta un sistema di indicatori che permette di monitorare le modalità organizzative seguite dalla Regioni in merito alla tracciatura del contagio, alla realizzazione dei test sierologici, alla programmazione delle attività per pazienti Covid-19 e pazienti non Covid-19 nell’ambito delle strutture ospedaliere e territoriali. Massima attenzione è dedicata all’analisi delle modalità di gestione dei pazienti infetti e/o con sintomi sul territorio e a domicilio.

Il rapporto è strutturato in 4 sezioni: la prima sezione è dedicata all’epidemiologia del contagio; la seconda è dedicata agli indicatori “organizzativi”; la terza è dedicata all’analisi dei modelli di risposta; la quarta sezione è dedicata alle “voci dal campo”, ovvero ad analisi realizzate per comprendere le modalità di risposta organizzativa di strutture territoriali (ASL, AST, ecc.) e ospedaliere.

Da questo report in poi saranno presentate delle buone pratiche a livello aziendale che costituiranno nel futuro una galleria di soluzioni che hanno mostrato efficacia nella risposta al Covid-19.

In questo rapporto, attenzione è dedicata a all'esperienza della ASST di Lodi in riferimento alle pratiche di bed management e di transitional care.

Files:
INSTANT_REPORT_NUMERO_14
Scarica

EXECUTIVE_SUMMARY_REPORT_14
Scarica

 

L'Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano ha lanciato il Premio Innovazione Digitale in Sanità 2020 lo scorso novembre 2019, raccogliendo più di 60 candidature fino a fine febbraio 2020.

 L'Osservatorio ha deciso di riaprire le candidature per l'iniziativa con l'obiettivo di raccogliere le esperienze di Sanità digitale che sono nate (o si sono ulteriormente sviluppate) durante l'emergenza sanitaria che il nostro Paese si è trovato ad affrontare da fine febbraio 2020.

 Per partecipare al Premio e candidare un progetto implementato presso la sua struttura* durante l'emergenza sanitaria è necessario compilare la scheda di candidatura disponibile su https://www.dropbox.com/s/yx49vjsgzs8wxgc/Scheda%20candidatura%20Project_Premio%20Innovazione%20Digitale%20in%20Sanit%C3%A0%202020_COVID.doc?dl=0 e inviarla all'Ing. Deborah De Cesare (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). Il termine per la consegna delle schede è mercoledì 15 luglio 2020.

Le schede saranno preliminarmente esaminate da una commissione di esperti dell'Osservatorio e saranno effettuate alcune interviste di approfondimento, con l'obiettivo di identificare una rosa di finalisti.

I casi finalisti saranno presentati davanti a una giuria qualificata che decreterà i vincitori del Premio in occasione del Convegno di presentazione dei risultati della Ricerca dell'Osservatorio, che si terrà il 23 settembre 2020, garantendo alta visibilità su media e a livello istituzionale.

* L'iniziativa è rivolta a ASL, AO, ASST, ATS, IRCCS, Ospedale Privati/Case di Cura, Centri di riabilitazione, RSA, strutture sovraziendali (ad es. "Area Vasta"), Regioni, Associazioni di Medici, Associazioni di Pazienti e a tutti gli operatori del Sistema Sanitario.

 Quest'anno l'Osservatorio Sanità Digitale del Politecnico di Milano ha dedicato la ricerca annuale al ruolo della sanità digitale durante l'emergenza Covid-19. I risultati sono stati presentati l'8 giugno in un webinar. Il Convegno di presentazione dei risultati della Ricerca dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità sul tema della Connected Care nell’emergenza COVID-19 ha approfondito i seguenti temi:

  • Quali sono le principali soluzioni di Sanità digitale nate per affrontare l’emergenza CoViD19 a livello italiano e internazionale?
  • Quali sono i benefici che la Connected Care può portare al sistema sanitario in termini di contenimento del contagio, riduzione delle ospedalizzazioni, capacità di gestire i pazienti sul territorio, ecc.?
  • Com’è cambiato il comportamento dei cittadini/pazienti e dei medici nell’utilizzo del digitale durante l’emergenza e cosa si aspettano per il futuro?
  • Come le strutture sanitarie si sono attrezzate per far fronte all’emergenza attraverso il digitale e quale sarà il ruolo di queste tecnologie nel futuro?
Una sintesi dei principali risultati si può leggere sul Corriere delle Comunicazioni a questo link:

https://www.corrierecomunicazioni.it/pa-digitale/e-health/smart-working-la-sanita-italiana-verso-il-modello-connected-care/  Di seguito è scaricabile la sintesi della Ricerca

Sintesi risultati-Connected Care ed emergenza sanitaria
Scarica

Per chi ha accesso al sito degli Osservatori del Politecnico di Milano è scaricabile l'intera ricerca e il video del webinar di presentazione e delle tavole rotonde: https://www.osservatori.net/it_it/convegni/archivio/convegno-presentazione-risultati-ricerca-osservatorio-innovazione-digitale-sanita-tema-connected-care-emergenza-covid-19
Chi è associato può richiedere l'intera ricerca attraverso Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Ufficio Economico Servizi e Gestionale

Nei giorni scorsi, AssonimeConfindustria e Afep (l’associazione francese delle imprese private) hanno inviato una lettera al Commissario Ue, Paolo Gentiloni, chiedendo la rimozione temporanea dei vincoli alla deducibilità fiscale degli interessi passivi, derogando con all'art. 4 della direttiva 1164 del 12 luglio 2016. L'emergenza Coronavirus – si legge - ha avuto un forte impatto sugli investimenti (delle società europee), che dovrebbero ridursi del 13,3% nel 2020. La politica di risanamento a sostegno degli investimenti deve essere una priorità assoluta, per evitare che i paesi Ue restino indietro rispetto agli altri per gli investimenti delle imprese. Come misura di emergenza, le associazioni chiedono quindi alla Commissione Ue di proporre una direttiva che consenta agli Stati membri di derogare temporaneamente alla disposizione che limita al 30% dell’Ebitda la deducibilità fiscale degli interessi passivi per il 2020. Una deroga temporanea per il 2020 fornirebbe la flessibilità necessaria agli Stati membri per adottare le misure nazionali appropriate per far fronte all'attuale situazione eccezionale. 
Vi aggiorneremo in merito 

 

Valutare i vantaggi per le strutture sociosanitarie di aderire a pagoPa ed effettuare una analisi riguardante la normativa e le adesioni in Italia è quanto si prefigge il webinar gratuito organizzato da Aris il prossimo 10 giugno e rivolto ai Direttori Generali, Amministratori e Responsabili IT delle strutture.

E’ possibile iscriversi al seguente link

https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_4Kg-ZWjsSQSJpY_XwvIIFw

 

Di seguito il programma completo del seminario.

Webinar su PagoPA
Scarica

 

Ufficio Economico Servizi e Gestionale

E' disponibile e scaricabile alla fine di questo articolo l'Instant Report #8 COVID-19 di Altems e Cerismas (e il suo summary) che offre un confronto sistematico delle modalità di risposta delle Regioni italiane al Sars-COV-2. La finalità del report è comprendere le implicazioni delle diverse strategie adottate dalle Regioni per fronteggiare la diffusione del virus e le conseguenze del Covid-19 in contesti diversi per trarne indicazioni per il futuro prossimo e acquisire insegnamenti derivanti da questa esperienza. Il report presenta un sistema di indicatori che permette di monitorare le modalità organizzative seguite dalla Regioni in merito alla tracciatura del contagio, alla realizzazione dei test sierologici, alla programmazione delle attività per pazienti Covid-19 e pazienti non Covid-19 nell’ambito delle strutture ospedaliere e territoriali. Massima attenzione è dedicata all’analisi delle modalità di gestione dei pazienti infetti e/o con sintomi sul territorio e a domicilio.

Il rapporto è strutturato in 4 sezioni: la prima sezione è dedicata all’epidemiologia del contagio; la seconda è dedicata agli indicatori “organizzativi”; la terza è dedicata all’analisi dei modelli di risposta; la quarta sezione è dedicata alle “voci dal campo”, ovvero ad analisi realizzate per comprendere le modalità di risposta organizzativa di strutture territoriali (ASL, AST, ecc.) e ospedaliere.
Da questo report in poi saranno presentate delle buone pratiche a livello aziendale che costituiranno nel futuro una galleria di soluzioni che hanno mostrato efficacia nella risposta al Covid-19.

In questo rapporto attenzione è dedicata all’esperienza dell’unità di crisi dell’area metropolitana di Bologna: processi di integrazione nella presa in carico dei pazienti/soggetti COVID-19.

EXECUTIVE SUMMARY REPORT 8
Scarica

INSTANT REPORT NUMERO 8
Scarica

 

Il Covid-19 è e continuerà ad essere una sfida senza precedenti per il nostro SSN: le strutture ospedaliere stanno compiendo sforzi eccezionali per tutelare la salute della collettività. Garantire la messa in sicurezza di pazienti e operatori sanitari coinvolti nell’epidemia richiede una rivalutazione rapida e frequente del rischio clinico e dei relativi processi di gestione, alla luce delle raccomandazioni nazionali e internazionali che man mano vengono aggiornate. Con lo stesso livello di urgenza, le strutture hanno la necessità di ripensare i processi assistenziali, il modello organizzativo e la sostenibilità economica ed implementare i cambiamenti necessari per adeguarsi al nuovo contesto immediatamente successivo alla fase emergenziale.
 
Il webinar tenutosi il 7 maggio u.s. dal titolo "Emergenza Covid-19_Rischio Clinico e nuovo contesto_IRCCS e ospedali" è stato il terzo curato da UESG di Aris per condividere le esperienze, lezioni imparate, le migliori pratiche e quanto si sta lavorando a implementare per il futuro (si ricorda sotto il programma).
 
Il video è ora disponibile sul canale YouTube di Aris al link:  https://www.youtube.com/watch?v=yV8ds9Rwi_o .
 
Dallo stesso si può ascoltare la testimonianza del Prof. Mario Melazzini. amministratore delegato dell'IRCCS Maugeri, come caso di una complessa realtà riabilitativa ospedaliera e dell'esperienza e competenza ad ampio spettro nella sanità dello stesso Professore. Il video inoltre contiene l'illustrazione di un corretto approccio all'attività di risk management da parte di AON di cui si allega di seguito copia digitale della presentazione.

 

Programma:

Dr. Mario Melazzini – Amministratore Delegato IRCCS Maugeri che condividerà la propria esperienza e ompetenza di un IRCCS ospedaliero riabilitativo

Dr. Davide Alì – Aon Global Risk Consulting – Healthcare il cui intervento considererà trasversalmente le strutture di tipo ospedaliero

Dr. Nevio Boscariol – Aris – Responsabile Economico Servizi e Gestionale